HomeIl progettoIn ondaLa videotecaLe BibliotecheCreditsContatti
La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze
Manoscritti e Rari - Origini e storia
David Speranzi
indietro ←
La raccolta dei Manoscritti e Rari della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, formata da 25.000 manoscritti, quasi 4.000 incunaboli, 16.000 cinquecentine e oltre un milione di carteggi e di carte sciolte, ha origine nel lascito di Antonio Magliabechi. Con l’Unità d’Italia e la nascita della Biblioteca Nazionale di Firenze al patrimonio della Magliabechiana si sarebbe aggiunto quello della Biblioteca Palatina. La storia delle acquisizioni, tuttavia, non si ferma con l’unione tra Palatina e Magliabechiana. Nel 1902 è stato creato un apposito fondo aperto: quello delle Nuove Accessioni, perché vi potessero essere collocati tutti i manoscritti d’acquisto e di dono che venivano ad arricchire il patrimonio della Nazionale. Il bibliotecario David Speranzi ci illustra alcuni esempi di inestimabile valore di questa complessa Collezione: Il Sacramentario di Ottone del X sec.; il Canzoniere Palatino, codice del XIII sec. indispensabile per comprendere la nascita della lingua italiana; La Historia florentini populi di Leonardo Bruni; l’Opera Chemica di Raimondo Lullo del XV sec; L’Erbario provenzale del XIV sec.; un preziosissimo Libro d’Ore del XV sec.; lo splendido taccuino di disegni di Ignazio Fabroni che alla fine del Seicento, durante i suoi viaggi sulle galere fiorentine, documentò costumi e paesaggi dei popoli del Mediterraneo.

videoteca

Remo Bodei
Galilei e "Le Meccaniche"
Isabella Truci
Il Fondo Galileiano
Caterina Guiducci
Il Fondo Luigi Dallapiccola
Francesca Filippeschi
Antonio Magliabechi -
Una biblioteca “ad uso dei poveri”
Susanna Pelle
Gli autografi di Ugo Foscolo
Silvia Alessandri
Il Fondo Libri d'artista
"Loriano Bertini"
Simona Mammana
Il Fondo Palatino
Roberta Masini
Il carteggio privato De Gubernatis

in preparazione

Luca Bellingeri
La complessità delle finalità della BNCF
Roberto Barni
"Se il disegno pensa"
Francesca Filippeschi
Dalla Biblioteca di Magliabechi alla BNCF
Simona Mammana
I libri a stampa del Fondo Palatino
Il “Testamentum” alchemico di Raimondo Lullo
Isabella Truci
Galileo Galilei, "Sidereus Nuncius"
Francesca Romana de'Angelis
Virginia Galilei, Suor Celeste, lettere al padre
Carla Pinzauti
Il Fondo Dante Alighieri
Paola Gibbin
Ildebrando Pizzetti - Vanna Lupa
Caterina Guiducci
Fondo musicale
Caterina Guiducci - Chiara Piomboni
Dallapiccola, "Annalibera"
Chiara Piomboni
Cécile Chaminade, L’ Ondine (The Water Spirit) op. 101
Chiara Piomboni
Claude Debussy, Suite bergamasque, L.75 3.Clair de lune
Chiara Piomboni
Frédéric Chopin, Nocturne op. 9 no. 1 in B flat minor
Giovanna Lazzi
Il Fondo Landau-Finally
Giovanna Lazzi
I manoscritti del Fondo Landau-Finally
Roberta Masini
I carteggi
Gian Luca Corradi - Laura Comparini
Periodici e quotidiani
Alessandro Sidoti - Gisella Guasti
Il laboratorio di restauro
Carlo Picchietti
Il progetto architettonico
Piero Scapecchi
Gli incunaboli
Lucia Milana
Il deposito legale
Chiara Storti
Servizi informatici - La biblioteca digitale
Anna Lucarelli
Bibliografia Nazionale e indicizzazione semantica