HomeIl progettoIn ondaLa videotecaLe BibliotecheCreditsContatti
La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze
Il Fondo Palatino
Simona Mammana
indietro ←
Alla morte di Gian Gastone, ultimo erede della dinastia de’ Medici e artefice della nascita del Biblioteca Magliabechiana, il Granducato di Toscana passò alla dinastia dei Lorena. Il nuovo Granduca Francesco Stefano affidò la reggenza a un delegato e nel 1745 divenne Imperatore consorte dell’Imperatrice Maria Teresa d’Austria. Il figlio Leopoldo I d’Asburgo-Lorena nominato Granduca nel 1765 si stabilì invece con la famiglia a Firenze e promosse un programma di riforme, facendo di uno Stato marginale nel contesto delle potenze europee un paese moderno e all'avanguardia. Fece trasferire la Biblioteca di Palazzo Pitti, arricchita negli anni dai suoi predecessori, presso la Sede degli Uffizi, e la unì alla Magliabechiana. I Granduchi iniziarono subito la costituzione di una nuova Biblioteca ricca di opere a stampa provenienti da tutto il mondo. Dopo Leopoldo sarà la volta del figlio Ferdinando III, grande collezionista di manoscritti e partiture musicali. A lui si deve l’ingresso nella Biblioteca Palatina delle carte galileiane acquistate nel 1818 dalla famiglia Nelli. Anche il figlio Leopoldo II, granduca di Toscana fino all’Unità d’Italia, non sarà indenne dalla febbre per il collezionismo librario. Nel 1861 il Regio Decreto del 22 dicembre, firmato dal Ministro della Pubblica Istruzione Francesco De Sanctis, sancisce l’unificazione della Biblioteca Magliabechiana e della Biblioteca Palatina nella neo-costituita Biblioteca Nazionale di Firenze, che potrà contare su ben 86.000 volumi e oltre tremila manoscritti.

videoteca

David Speranzi
Manoscritti e Rari - Origini e storia
Remo Bodei
Galilei e "Le Meccaniche"
Isabella Truci
Il Fondo Galileiano
Caterina Guiducci
Il Fondo Luigi Dallapiccola
Francesca Filippeschi
Antonio Magliabechi -
Una biblioteca “ad uso dei poveri”
Susanna Pelle
Gli autografi di Ugo Foscolo
Silvia Alessandri
Il Fondo Libri d'artista
"Loriano Bertini"
Roberta Masini
Il carteggio privato De Gubernatis

in preparazione

Luca Bellingeri
La complessità delle finalità della BNCF
Roberto Barni
"Se il disegno pensa"
Francesca Filippeschi
Dalla Biblioteca di Magliabechi alla BNCF
Simona Mammana
I libri a stampa del Fondo Palatino
Il “Testamentum” alchemico di Raimondo Lullo
Isabella Truci
Galileo Galilei, "Sidereus Nuncius"
Francesca Romana de'Angelis
Virginia Galilei, Suor Celeste, lettere al padre
Carla Pinzauti
Il Fondo Dante Alighieri
Paola Gibbin
Ildebrando Pizzetti - Vanna Lupa
Caterina Guiducci
Fondo musicale
Caterina Guiducci - Chiara Piomboni
Dallapiccola, "Annalibera"
Chiara Piomboni
Cécile Chaminade, L’ Ondine (The Water Spirit) op. 101
Chiara Piomboni
Claude Debussy, Suite bergamasque, L.75 3.Clair de lune
Chiara Piomboni
Frédéric Chopin, Nocturne op. 9 no. 1 in B flat minor
Giovanna Lazzi
Il Fondo Landau-Finally
Giovanna Lazzi
I manoscritti del Fondo Landau-Finally
Roberta Masini
I carteggi
Gian Luca Corradi - Laura Comparini
Periodici e quotidiani
Alessandro Sidoti - Gisella Guasti
Il laboratorio di restauro
Carlo Picchietti
Il progetto architettonico
Piero Scapecchi
Gli incunaboli
Lucia Milana
Il deposito legale
Chiara Storti
Servizi informatici - La biblioteca digitale
Anna Lucarelli
Bibliografia Nazionale e indicizzazione semantica